lunedì 10 marzo 2014

mancano cibi giapponesi

Nell'ultima lezione di Origata, abbiamo piegato due buste per bastoncini Hashi.
Anche se non sa Origata, tanti (di certa eta') fanno questa busta per capodanno.
Per capodanno si usa Hashi nuovi in legno, di solito si vende in busta gia' decorata in bianco/rosso (nostri colori augurali), abbastanza eleganti. Ma ancora in alcune famiglie piegano a casa questa busta. A casa mia verra' scritto i nome di membri famigliali, li usiamo per 3 giorni di capodanno.
Un piccolo pezzettino rosso inserito, rende allegria di augurazione.
 
Nella foto sinistra con stuzzicadenti, e' con piccolo pensierino agli ospiti.
Piccola cosa, se non si sa origata non verra' ricevuto questo pensiero/rispetto, tristamente... sigh. 


In Giappone, non si parla tanto. Si deve capire da solo in ogni dettaglio. Per questo mi sento molto stretto.

Piegando busta per bastoncini mi e' venuta la mancanza di cibi giapponesi soprattutto Kuri Kinton, castagne peste dolce.
Il cibo preferito nei OSECHI (una scatola di vari cibi, per capodanno. Ogni cosa ha significato, es: fagioli per lavorare bene...).

Da un mese non mangio bene, la mia coinquilina va al letto gia' alle 22 e si alza alle 6, per rumore mi sveglio. Torno alle 22:30, mangio yogurt e banana vado al letto all'1-2 poi mi alzo alle 6. Non mangio la sera perche' se finisco di lavorare presto magari vorrei andare al letto presto ma non ci riesco. Per questo e' venuta gran nostalgia per i cibi giapponesi.
Mi manca Ochazuke... riso bianco cotto+the' verde +magari una fettina di salmone.

e... Temporary shop entro il 16 marzo a Milano, in corso Garibaldi 117.
Si vende anche Nigori (sake bianco), adoro! Una bottiglia 12euro... no, troppo caro.
Diceva che fanno degustazione ogni settimana. Il ministero giapponese presentano i cibi giapponesi, non negozio da vendere ma si vende alcune cose. Non mancate!

Nessun commento:

Posta un commento