sabato 5 luglio 2014

tanabata 2014

Lunedi' il 7 luglio e' Tanabata.
In Italia si parla molto di "due stelle innamolate" ma per me forse per noi non e' il giorno per l'amore ma un giorno in cui si scrive un desiderio e mettendolo su bamboo e si prega al cielo di esaudimento.

2 anni fa ho scritto
spero di poter passare un anno senza dire "vaffanculo".
L'anno scorso alla festa al planetario di Milano ho scritto
spero che esaudiscano i desideri di tutti altri.

L'anno scorso, non avevo nessun desiderio, ero felice o troppo disperata.
Questo anno...
Spero che il mio permesso di soggiorno vengano rinnovato,
spero di poter trovare un biglietto economico per la vacanza estiva,
spero che Vogue Fashion's Night Out (il 16 settembre) andra' bene...
ci sono troppi desideri.
 
Ma io sono sempre felice, anche se vivo in poverta'.
 
Ho letto un articolo su una ragazza tibetana.
Il tempio Ganden (non so come si scrive ma 甘丹寺) e' stato distrutto dai militari cinesi negli anni '50. Negli anni '90 il governo cinese e' cambiato e tibetani hanno iniziato a ricostruirlo.
A quota 4000 metri nella montagna, le ragazze giovani portano le pietre caricandole sulle spalle, salgono e scendono le strade sterrate.
Il giornalista pensa, sono schiave... non possono fare lavorare in questo modo!
Una ragazza ha raccontato; guadagna circa 22 euro al giorno.
Il giornalista si arrabbia "ma!! ci sono anche altri lavori!!", 22euro non sono pochi in Tibet ma con il lavoro di schiavo...
La ragazza risponde: pero' sono felice per poter lavorare per le ricostruzioni del tempio.
Il giornalista scrive in ultima riga,
l'importante e' che non solo che cosa fa ma perche' lo fa.
 
Qualcuno mi dice che "poverina se devi lavorare anche la domenica" ma non vi preoccupate, io vivo per me stessa.
quindi... questo anno il mio desiderio e'
自分を見失わずにいられますように。
 
non tradico, mi vergogno.
 
Poi spero sempre che il vostro desiderio esaudisca.
Buon Tanabata!!
 
 
 
 
 
 
 
 


Nessun commento:

Posta un commento